Svolta green al Faito: aperto il primo Auto/bici grill elettrico in Campania

Grazie allo sforzo ed alla sinergia tra Unicoenergia, Eav  e le associazioni Amici della Filangieri, Malkovich ed il circolo Arci “Alta Quota” è partita una nuova start-up nel solco dell’innovazione tecnologica e della transizione ecologica.

Lungo la strada che collega la Funivia con il Belvedere da oggi è in funzione  una moderna stazione di bike-sharing con pedalata assistita e sistema di ricarica ad induzione, una  wall-box di ricarica di macchine e bici elettriche ed  una ciclo officina; questo ampio ventaglio di servizi green si completa con uno spazio di ristoro e di aggregazione culturale gestito dalla storica associazione stabiese “gli Amici della Filangieri” e dal neonato circolo faitense dell’Arci “Alta Quota”.

Il quadro dell’iniziativa si completa con la messa a disposizione delle associazioni del territorio di un locale che funzionerà come una vera e propria Agorà verde per discutere  concretamente delle prospettive di rilancio di un luogo incantato come Monte Faito.

“Era una scommessa, una sfida, una visione: : Faito come luogo dove fare nascere, in questo momento complicato, una start-up al servizio della montagna e dei valori dell'ambiente”,  così esordisce l’avvocato Nicola Corrado, presidente dell’associazione Malkovich e regista di questa nuova avventura imprenditoriale e culturale.

“uno spazio chiuso per 20 anni si riempirà di cittadini, di turisti e soprattutto di giovani per vivere questa meravigliosa montagna all’insegna dei valori dell’ambiente e per provare insieme a generare nuove economie e nuovi lavori” conclude.

Partner strategico dell’iniziativa Unicoenergia, il Ceo Aldo Arcangioli: “abbiamo raccolto questa sfida con entusiasmo e passione, lavorare per la transizione ecologica significa investire concretamente nella mobilità pulita, farlo a Faito per noi ha un valore simbolico,  significa scrivere un manifesto per l’ambiente che possa essere letto da tutti, partiamo da questo luogo incantato per continuare il nostro lavoro nelle città sempre più invivibili, inquinate e chiassose per costruire insieme una nuova consapevolezza della qualità della vita”.

 Ha poi preso la parola  Giovanni Luigi Donnarumma, presidente dell’associazione Amici della Filangieri ed animatore del neonato circolo Arci, Alta Quota: in queste ultime settimane, insieme a decine di volontari,  abbiamo ridipinto le pareti, abbiamo recuperato sedie, tavoli, poltrone, banconi, vecchie insegne, abbiamo posizionato le nostre bandiere, abbiamo riempito di contenuti questo spazio e insieme a tanti vogliamo “pedalare” per questa montagna e per affermare il valore dell’aggregazione, della socializzazione, dello stare insieme, soprattutto dopo questi ultimi mesi vissuti all’insegna del distanziamento sociale”.

Ha concluso  l’assessore al Turismo del Comune di Vico Equense la dott.ssa Annalisa Donnarumma: Siamo orgogliosi di questa iniziativa e delle persone che l’hanno realizzata perché in un momento così complesso hanno avuto il coraggio e l’intraprendenza di continuare ad investire sul Monte Faito. Questo è solo un primo passo verso il turismo sostenibile che è priorità della Città di Vico Equense e dell’intera comunità.

Alla cerimonia di inaugurazione hanno preso parte portando i propri saluti istituzionali la dott.ssa Anna De Lieto vice-presidente dell’associazione Pro-Faito, il dott. Luciano Crolla in rappresentanza dell’EAV e l’onorevole regionale Annarita Patriarca che ha sottolineato l’impegno bipartisan della Regione a favore di Monte Faito.

 

Seguici su
POWERED BY
Sviluppato da